Endourologia - Coloplast
Chiudi
<div class="top-bar">
<div class="info-block"><a href="#country" id="countries-link"><img class="map-icon" src="/Custom/Ui/baseline/img/map-icon.png" alt="view countries map" /> <strong class="num">32</strong>
<div class="info-holder">Country websites -&nbsp;<span class="mark">Trova il tuo sito Coloplast</span></div>
</a></div>
</div>
<div class="panel-info columns-holder">
<div class="column"><strong class="column-title">Coloplast Italia</strong></div>
<div class="column">
<ul>
<li><a href="/Custom/Templates/LeftNavigationPage/LeftNavigationPage.aspx?id=46&amp;epslanguage=it-IT" title="Chi siamo">Presentazione</a></li>
<li><a href="/Custom/Templates/LeftNavigationPage/LeftNavigationPage.aspx?id=22862&amp;epslanguage=it-IT" title="Pubblicazioni">Pubblicazioni</a></li>
<li><a href="/Custom/Templates/LeftNavigationPage/LeftNavigationPage.aspx?id=22891&amp;epslanguage=it-IT" title="Lavora con noi">Lavora con noi</a></li>
</ul>
</div>
<div class="column">Prodotti</div>
<div class="column">
<ul>
<li><a href="/Custom/Templates/LeftNavigationPage/LeftNavigationPage.aspx?id=35637&amp;epslanguage=it-IT" title="Stomia">Stomia</a></li>
<li><a href="/Custom/Templates/LifeDayMoment/LifeDayMoment.aspx?id=105006&amp;epslanguage=it-IT" title="Incontinenza urinaria">Incontinenza</a></li>
<li><a href="/Custom/Templates/LifeDayMoment/LifeDayMoment.aspx?id=7137&amp;epslanguage=it-IT" title="Cura delle lesioni">Wound Care</a></li>
<li><a href="/Custom/Templates/LifeDayMoment/LifeDayMoment.aspx?id=658&amp;epslanguage=it-IT" title="Prodotti per urologia">Urologia</a></li>
</ul>
</div>
<div class="column"><strong class="column-title"><a href="/Custom/Templates/LeftNavigationPage/LeftNavigationPage.aspx?id=1874&amp;epslanguage=it-IT" title="Contattare Coloplast">Contatti</a></strong></div>
<div class="column"><strong class="column-title"><a href="/Custom/Templates/LeftNavigationPage/LeftNavigationPage.aspx?id=35637&amp;epslanguage=it-IT" title="Informazioni su Coloplast Italia">Informazioni su Coloplast Italia</a></strong></div>
<div class="column"><strong class="column-title"><br /></strong></div>
<div class="column column-last"><a class="com-site" href="http://www.coloplast.com" target="_blank" title="Sito globale Coloplast">Visita Coloplast.com</a></div>
</div>
<!--
<div class="panel-info columns-holder">
<div class="column"><strong class="column-title">About Coloplast Country</strong> 
<ul>
<li>Our company</li>
<li>History</li>
<li>Partners</li>
<li>People &amp; Organisation</li>
<li>Jobs</li>
</ul>
</div>
<div class="column"><strong class="column-title">Services</strong> 
<ul>
<li>News&nbsp;</li>
<li>Press</li>
<li>Events</li>
<li>WheelMate(TM)</li>
</ul>
</div>
<div class="column"><strong class="column-title">Contatti</strong> 
<ul>
<li>Contatta il Customer Care</li>
<li>Trovaci in Italia</li>
<li>Presenza globale</li>
</ul>
</div>
</div>
-->
Trova il sito Web Coloplast del tuo Paese
Accedi alla tua area professional Coloplast

Conoscere la calcolosi renale

Ti è stata diagnosticata una calcolosi renale? Scopri come questa diagnosi influisce su di te e quali sono le soluzioni disponibili. Queste pagine informative non possono sostituire il ruolo e il rapporto che hai con il tuo medico. È essenziale rivolgersi al proprio medico di fiducia per avere un parere clinico professionale.

Informazioni generali sulla calcolosi renale

Informazioni generali sulla calcolosi renale

Scopri di più sulla calcolosi renale
Chiudi

Cos'è l'apparato urinario?

Bibliografia

1: Alelign T, Petros B. Kidney Stone Disease: An Update on Current Concepts. Adv Urol. 2018 Feb 4;2018:3068365.
2: D'Alessandro C, Ferraro PM, Cianchi C, Barsotti M, Gambaro G, Cupisti A. Which Diet for Calcium Stone Patients: A Real-World Approach to Preventive Care? Nutrients. 2019 May 27;11(5):1182. 
3: Patti L, Leslie SW. Acute Renal Colic. 2021 Aug 12. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2021 Jan.
4: Xavier A, Maxwell AP. Which patients with renal colic should be referred? Practitioner. 2011 Feb;255(1737):15-7, 2. 

Cos'è l'apparato urinario?

Per apparato urinario si intende l'insieme di organi che garantisce la produzione e l'eliminazione dell'urina. È composto da due reni (sito di produzione), due ureteri (tubicini che collegano ciascun rene alla vescica), una vescica (sito di conservazione) e un'uretra (tubo attraverso cui si espelle l'urina).

Cos'è un calcolo urinario?

Non è altro che una pietra, una massa composta da diversi cristalli, che si forma nell'apparato urinario.

 

Chi può soffrire di calcolosi urinaria?

La calcolosi urinaria colpisce circa il 12% della popolazione mondiale e ne soffrono più frequentemente gli uomini di età compresa tra i 20 e i 49 anni che non le donne.1

Perché si formano i calcoli?2

I motivi principali sono gli eccessi alimentari (consumo eccessivo di calcio, zucchero, sale, proteine animali, ecc.) e l'assunzione insufficiente di liquidi.

Quali sono i sintomi associati alla calcolosi?1

Quando migrano nel tratto urinario, i calcoli possono causare la comparsa di sangue nelle urine (ematuria), dolore alla parte inferiore della schiena (colica renale) o infezioni urinarie.

Che cos'è una colica renale?3,4

I seguenti sintomi sono classici indicatori di colica renale:

  • insorgenza improvvisa;
  • dolore acuto nella parte inferiore della schiena (dolore lombare), sul fianco destro o sinistro;
  • dolore che può diffondersi fino ai testicoli negli uomini e nelle grandi labbra (vulva) nelle donne;
  • possono manifestarsi vomito/nausea;
  • spesso il paziente si agita a causa del dolore intenso e non riesce a trovare una posizione che lo faccia sentire meglio;
  • a volte possono essere presenti segni di irritazione nella vescica (frequente desiderio di urinare): questo generalmente significa che il calcolo si trova alla fine dell'uretere, presso l'ingresso della vescica.

Perché si verifica una colica renale?3

I calcoli ostacolano il flusso scorrevole dell'urina, che si accumula sopra l'ostacolo e causa la distensione delle cavità renali. Questa sovrapressione provoca la colica renale.

Quali esami aggiuntivi sono necessari?3

Per trovare la causa della colica renale, il medico potrebbe chiederte di sottoporsi a diversi esami:

  • radiografia all'addome (rene, uretere e vescica) ed ecografia dei reni e della vescica;
  • scansione dell'addome e del bacino con o senza mezzo di contrasto;
  • analisi del sangue;
  • analisi delle urine per verificare l'eventuale presenza di infezioni o di sangue.
Chiudi
Treatment Option for stone disease

Opzioni di trattamento

Scopri di più sulle diverse opzioni di trattamento disponibili per la calcolosi. Scopri di più sulle opzioni di trattamento

Bibliografia

1: Patti L, Leslie SW. Acute Renal Colic. 2021 Aug 12. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2021 Jan.
2: Xavier A, Maxwell AP. Which patients with renal colic should be referred? Practitioner. 2011 Feb;255(1737):15-7, 2.
3: Ordon M, Andonian S, Blew B, Schuler T, Chew B, Pace KT. CUA Guideline: Management of ureteral calculi. Can Urol Assoc J. 2015 Nov-Dec;9(11-12): E837–E851.
4. NHS. Treatment-Kidney stones. 2019 https://www.nhs.uk/conditions/kidney-stones/treatment
5: Alyami F, Norman R. Is an overnight stay after percutaneous nephrolithotomy safe? Arab J Urol.2012 Dec; 10(4): 367–371.
6: British Association of Urological Surgeon (BAUS). Percutaneous nephrolithotomy (keyholesurgery for kidney stones) - information about your procedure. 2020 https://www.baus.org.uk/_userfiles/pages/files/Patients/Leaflets/PCNL.pdf

Come viene trattata la colica renale?

Il primo passo, nonché il più importante, è trattare il dolore. In una situazione di emergenza, la cura ha lo scopo di fornire un rapido sollievo. I farmaci più efficaci sono gli agenti antinfiammatori non steroidei1,2. Qualora non fossero sufficienti, è possibile utilizzare antidolorifici più potenti derivati da morfina. Il ricovero ospedaliero non è sempre necessario. Il calcolo non viene curato in fase acuta.

Quando è necessario il ricovero in ospedale?1,2

  • In caso di febbre (temperatura >38 °C o 100,4 °F) associata a infezione urinaria.
  • In caso di dolore persistente nonostante l'assunzione di antidolorifici.
  • In caso di mancata espulsione di urine dal corpo; è chiamata anuria, ed è correlata all'assenza di urina nella vescica.

Come vengono trattati i calcoli?3

  • I calcoli di piccole dimensioni possono essere eliminati spontaneamente per via naturale. È utile raccoglierli per analizzarne la composizione. A tal fine, urinare in un filtro per caffè o per tè, tenere il/i calcolo/i asciutto/i in un contenitore e seguire le istruzioni del medico. Ma soprattutto, non gettare via il/i calcolo/i! Esistono diversi tipi di calcoli renali e le raccomandazioni alimentari saranno definite in base alla natura del calcolo analizzato.
  • Se il calcolo non viene eliminato entro un periodo di tempo ragionevole (qualche settimana) o se provoca ancora dolore, l'urologo potrebbe suggerire di sottoporsi a un intervento chirurgico, il cui metodo dipenderà dalle dimensioni, dalla posizione e dalla natura del calcolo. In tutti i casi, è necessario eseguire esami di diagnostica per immagini controllata da remoto per confermare la guarigione.

Diversi tipi di chirurgia disponibili3,4

  • Litotripsia extracorporea: una macchina produce onde d'urto che, dirette sul calcolo, lo frantumano. I frammenti verranno poi eliminati durante la minzione.
  • Ureteroscopia: il chirurgo utilizza un dispositivo dotato di telecamera che viene inserito nell'uretere per rimuovere o distruggere il calcolo, solitamente con un laser.
  • Nefrolitotrissia percutanea (o PCNL): accesso chirurgico attraverso la schiena direttamente nel rene (incisione da 1 cm).
  • Chirurgia a cielo aperto tramite laparoscopia con incisione: si usa ormai di rado. Le indicazioni sono associate a calcoli molto grandi bloccati nel tratto urinario, quando non è possibile applicare le tecniche di cui sopra.

Che cos'è l'ureteroscopia?4

Questa tecnica consente di raggiungere il calcolo attraverso il naturale tratto urinario. Si inserisce l'ureteroscopio, un tubicino molto sottile dotato di telecamera, nell'uretra fino a raggiungere l'uretere e le cavità renali. Il medico potrà quindi rimuovere il calcolo (intero) o frammentarlo in diversi modi. La degenza ospedaliera può durare da un solo giorno in regime ambulatoriale fino a diversi giorni. Dipende dai calcoli, dalle difficoltà anatomiche e dalle condizioni del paziente. L'ureteroscopia viene spesso eseguita in anestesia generale. Al termine della procedura si può decidere di lasciare nell'uretere per alcuni giorni un tubicino sottile (uno stent a loop (J) singolo o uno stent a doppio loop (JJ)).

Che cos'è la nefrolitotrissia percutanea?

Questa tecnica consiste nel perforare il rene passando dalla schiena in anestesia generale per creare una linea di accesso diretta al rene stesso. In base alle indicazioni, i pazienti possono essere distesi proni o supini, in modo tale da poter inserire nella linea di accesso una telecamera dotata di uno strumento (detto nefroscopio), che consente la visualizzazione, la frammentazione e l'estrazione dei calcoli. Al termine della procedura viene spesso lasciato un catetere che drena il rene attraverso la cute (nefrostomia). La degenza ospedaliera per questo tipo di procedura dura in media da 2 a 5 giorni.5,6

 

Chiudi
JJ stent placement for stone disease

Qualità di vita con uno stent a doppio loop (JJ)

Scopri a cosa serve uno stent a doppio loop (JJ), quali sono gli effetti collaterali e per quanto tempo rimane uno stent. Scopri di più sul posizionamento di uno stent a doppio loop (JJ)

Bibliografia

1: Wiseman O, Ventimiglia E, Doizi S, Kleinclauss F, Letendre J, Cloutier J, Traxer O. Effects of Silicone Hydrocoated Double Loop Ureteral Stent on Symptoms and Quality of Life in Patients Undergoing Flexible Ureteroscopy for Kidney Stone: A Randomized Multicentre Clinical Study. J Urol. 2020 Oct;204(4):769-777.
2: Barghouthy Y, Wiseman O, Ventimiglia E, Letendre J, Cloutier J, Daudon M, Kleinclauss F, Doizi S, Corrales M, Traxer O. Silicone-hydrocoated ureteral stents encrustation and biofilm formation after 3-week dwell time: results of a prospective randomized multicenter clinical study. World J Urol. 2021 Mar 10.
3: Hofmann R, Hartung R. Ureteral stents - materials and new forms. World J Urol. 1989; 7(3), 154-157.
4: Lennon GM, Thornhill JA, Sweeney PA, Grainger R, McDermott TE, Butler MR. Firm Versus Soft Double Pigtail Ureteral Stents - a Randomized Blind Comparative Trial. Eur Urol. 1995; 28(1), 1-5.
5: British Association of Urological Surgeon (BAUS). Living with a ureteric stent.Frequently-asked questions. 2020 https://www.baus.org.uk/_userfiles/pages/files/Patients/Leaflets/Stent%20advice.pdf
6: Miyaoka R, Monga M. Ureteral stent discomfort: Etiology and management. Indian J Urol. 2009Oct-Dec; 25(4): 455–460.
7: Damiano R, Oliva A, Esposito C, De Sio M, Autorino R, D'Armiento M. Early and late complications of double pigtail ureteral stent. Urol Int. 2002; 69(2),136-140.
8: Leibovici D, Cooper A, Lindner A, Ostrowsky R, Kleinmann J, Velikanov S, Cipele H, Goren E, Siegel YI. Ureteral stents: Morbidity and impact on quality of life. Israel Med Assoc J. 2005;7(8), 491-494.
9: Turney B. Ureteric stent information for patients. Oxford University Hospitals NHS foundationtrust. 2019 https://www.ouh.nhs.uk/patient-guide/leaflets/files/13562Pureteric.pdf

Al termine della procedura si può decidere di lasciare un piccolo tubo (un singolo J o doppio J stent) all'interno del vostro uretere.

Che cos' è uno stent a doppio loop (o JJ)?

Uno stent JJ è un tubicino sottile che viene posizionato all'interno del tratto urinario senza incisione (per via naturale) o per via chirurgica a cielo aperto. Dopo la procedura, il chirurgo verificherà che sia ben posizionato effettuando un controllo radiografico. Inserito nell'uretere, lo stent va dal rene alla vescica. Entrambe le estremità dello stent sono curve: da qui il nome di stent a doppio loop o JJ. Non fuoriesce dal corpo, è interno, quindi invisibile. In alcuni casi, dall'uretra potrebbe spuntare un cordino che aiuterà il chirurgo a rimuovere lo stent dopo alcuni giorni.

Gli stent ureterali JJ sono composti da vari materiali con diverse rigidità per soddisfare le esigenze di medico e paziente. Essendo un corpo estraneo nell'uretere, lo stent può comportare un certo disagio. Alcuni materiali rigidi possono creare maggiore disagio nei pazienti. Gli stent in silicone con rivestimento in idrogel hanno dimostrato di essere in grado di ridurre i sintomi urinari, il disagio del paziente e i depositi minerali lungo lo stent stesso (incrostazioni).1,2

Scoprite i nostri stent ureterali a doppio loop in silicone

Sono disponibili stent per utilizzi a breve, medio e lungo termine (da pochi giorni a diversi mesi) di lunghezze e diametri diversi.3,4

Lo scopo dello stent è aiutare l'urina a fluire verso la vescica e prevenire eventuali coliche renali. Pertanto, lo stent a doppio loop (JJ) dilata l'uretere, consente l'evacuazione agevole dei residui di calcoli ed evita l'ostruzione dell'uretere stesso. Consente inoltre la guarigione della mucosa dopo la procedura.

Poiché la presenza di questo stent permette all'urina di defluire verso l'alto nel rene durante la minzione, inizialmente ciò può causare una sensazione dolorosa. Solitamente il rene si abitua allo stent in pochi giorni. Dopo il posizionamento dello stent, si consiglia di bere abbondantemente5 per urinare regolarmente e non forzare durante la minzione.

 

 

Effetti collaterali comuni dello stent 6-8

  • Dolore, disagio dovuto alla pressione che può aumentare quando ci si muove o dopo il passaggio dell'urina
  • Incrostazione dello stent: formazione di uno strato sottile di materiale del calcolo sullo stent stesso
  • Aumento del rischio di infezione delle vie urinarie (UTI)
  • I sintomi di irritazione della vescica includono:

– frequenza della minzione;

– urgenza della minzione;

– disuria: minzione dolorosa o difficile;

– perdite;

– sensazione di non riuscire a svuotare completamente la vescica.

  • Ematuria: presenza di sangue nelle urine

Ricordati! Hai un corpo estraneo che dovrà essere rimosso nelle settimane successive al suo inserimento.

  • Migration or dislodgement of the stent
  • Obstruction of the stent
  • Rupture of the stent
  • Erosion of the mucosa

Potenziali complicanze dello stent 7,8

  • Migrazione o spostamento dello stent
  • Ostruzione dello stent
  • Rottura dello stent
  • Erosione della mucosa

Quanto tempo dovrò tenere lo stent? 5,9

Gli stent a doppio loop (JJ) devono essere inseriti nel corpo solo per brevi periodi di tempo. Durante il trattamento dei calcoli urinari, gli stent a doppio loop (JJ) vengono lasciati in posizione da pochi giorni a pochi mesi, a seconda del caso, dopodiché devono essere rimossi. Lo stent a doppio loop (JJ) viene rimosso da remoto, attraverso il tratto urinario, solitamente in anestesia locale durante una visita di controllo (l'intervento dura pochi minuti) o talvolta in anestesia generale.

Living with a stent - work
Professione:
se la tua professione richiede una quantità significativa di movimento fisico, potresti avvertire dolore e disagio nella zona di stomaco e schiena.
Living with a stent - sexual activity
Attività sessuale:
non vi sono controindicazioni specifiche, ma possono verificarsi disagi durante l'attività sessuale. Se lo stent ha un cordino, è possibile avvertire maggiore disagio e lo stent potrebbe spostarsi.
 Living with a stent - Diet Alimentazione:
possono essere proposte delle linee guida nutrizionali in base alla natura del calcolo. La dieta può rimanere invariata, ma assicurati di bere molti liquidi (2 litri al giorno) dopo la procedura. Se stai assumendo farmaci, rivolgiti al medico per sapere se è consentito il consumo di bevande alcoliche.
 Living with a stent - having a social life Vita sociale:
la tua vita sociale non dovrebbe risentirne, ma potresti notare un aumento della frequenza e dell'urgenza nell'utilizzo della toilette.
 Living with a stent - exercice Attività fisica:
l'attività fisica può causare dolore e disagio nell'area dello stomaco. Evitare esercizi vigorosi.
 Living with a stent - travelling Viaggi:
prima di viaggiare, consulta il tuo medico per verificare se è sicuro per te affrontare un viaggio. Lo stent non dovrebbe influire sulla tua capacità di viaggiare.
Chiudi
Rimozione dello stent a doppio loop (JJ)

Rimozione dello stent a doppio loop (JJ)

Come verrà rimosso il mio stent? Scopri di più sulla qualità di vita con uno stent a doppio loop (JJ)

Bibliografia

1: Doersch KM, Elmekresh A, Machen GL, El Tayeb MM. The use of a string with a stent for self-removal following ureteroscopy: A safe practice to remain. Arab J Urol. 2018 Dec; 16(4): 435–440.
2: British Association of Urological Surgeon (BAUS). Telescopic insertion of removal of a stent from the ureter. 2017 https://www.baus.org.uk/_userfiles/pages/files/Patients/Leaflets/Ureteric%20stent%20insertion.pdf
3: NHS Hull University Teaching Hospitals - Ureteric Stent Removal under Local Anaesthetic –Discharge Advice. HEY-654/2018 https://www.hey.nhs.uk/patient-leaflet/ureteric-stent-removal-local-anaesthetic-discharge-ad- vice/
4: Baston EL, Wellum S, Bredow Z, Storey G, Palmer A, van Dellen D, Grey BR. Office-based ureteric stent removal is achievable, improves clinical flexibility and quality of care, whilst also keeping surgeons close to their patients. Cent European J Urol.2018;71(2):196-201. 
5: Isiris IFU
6: Collie J, Shah SS, Al-Hayek S, Durrant J, Saeb-Parsy K, Wiseman O. Introduction of a nurse led stent removal service using the single use isiris in a tertiary referral stone unit and the effect on patient waiting times. The Journal Of Urology. Vol. 201. 2019.

Lo stent verrà rimosso in uno dei due seguenti modi:

  1. se lo stent è dotato di un filo di recupero, il medico lo tenderà delicatamente per rimuoverlo.
  2. se non ha un cordino per la rimozione, il medico utilizzerà uno strumento chiamato cistoscopio per afferrare la spirale dello stent posizionata nella vescica e tirarla delicatamente attraverso l'uretra. 

Potresti provare disagio durante la procedura di rimozione, e un leggero dolore alcuni giorni dopo la rimozione dello stent.2,3

Isiris è una soluzione monouso innovativa per la rimozione degli stent con pinza integrata, che offre una flessibilità completa ovunque e in qualsiasi momento.4,5

Isiris ha dimostrato una riduzione dei ritardi nella rimozione dello stent e, di conseguenza, miglioramenti significativi della qualità della vita dei pazienti.6

Ulteriori informazioni su Isiris α

Chiudi
Metabolic assessment for stone disease

Valutazione metabolica

Perché il mio chirurgo parla di "valutazione metabolica”? Scopri di più sulla valutazione metabolica

Bibliografia

1: Can I help prevent kidney stones by changing what I eat or drink? 2017 https://www.niddk.nih.gov/health-information/urologic-diseases/kidney-stones/eating-diet-nutrition
2: Alelign T, Petros B. Kidney Stone Disease: An Update on Current Concepts. Adv Urol . 2018 Feb4;2018:3068365 

Perché il mio chirurgo parla di "valutazione metabolica”?

La formazione di calcoli urinari è una condizione che può svilupparsi nel tempo e ripetersi. Le cattive abitudini alimentari rappresentano una delle principali cause della formazione dei calcoli. È possibile adottare alcune misure alimentari correlate alle bevande e alla dieta per limitare la recidiva.1

Dopo un trattamento riuscito dei calcoli urinari, è importante identificare e gestire i fattori di rischio associati alla causa della formazione degli stessi. Questa è la cosiddetta "valutazione metabolica“.

Il rischio di recidiva è elevato. Se i pazienti non applicano misure di prevenzione, si stima che il tasso di recidiva delle formazioni secondarie di calcoli sia del 10–23% annuo, del 50% in 5–10 anni e del 75% in 20 anni dopo il primo evento.2

Sulla base delle abitudini alimentari, delle malattie sottostanti, dell'analisi dei calcoli rimossi e del sangue/delle urine, l'urologo sarà in grado di identificare le cause dei calcoli urinari del paziente e di mettere in atto misure correttive. È possibile prescrivere farmaci ma, nella maggior parte dei casi, il trattamento si limita alle raccomandazioni alimentari. Le linee guida nutrizionali verranno stabilite dal medico che potrà consegnare un foglio illustrativo personalizzato.

Talvolta sarà necessario aggiungere a questi esami esplorativi di prima linea un'esplorazione più approfondita in ambiente specializzato.

Infine, i pazienti con calcoli urinari devono eseguire controlli regolari dei reni e del tratto urinario, anche in assenza di dolore, ad esempio sottoponendosi a un esame ecografico annuale, per evitare possibili recidive.

In cosa consiste la “valutazione metabolica”?

  • Analisi del calcolo

L'analisi viene eseguita sul calcolo intero o sui frammenti raccolti dal paziente o dall'urologo. I frammenti devono essere conservati in un contenitore in un luogo asciutto, e verranno analizzati utilizzando la “spettrofotometria a infrarossi". Se non è stato recuperato alcun calcolo o frammento, verrà effettuato uno studio sulla natura dei cristalli di urina esaminando l'urina fresca, noto come "cristalluria”.

  • Indagine alimentare

Fornisce informazioni sulle abitudini alimentari e sull'assunzione di bevande di un paziente affetto da calcoli urinari. L'urologo o il nutrizionista chiederà, in particolare, informazioni riguardo alla quantità e alla natura delle bevande assunte, ma anche alla quantità e al tipo di prodotti lattiero-caseari, alla quantità giornaliera di proteine animali (carne, pesce e frutti di mare, uova, prodotti a base di maiale lavorati), alla quantità di sale e al consumo di alcuni alimenti a contenuto particolarmente elevato di ossalato (cioccolato fondente e cacao, tè, noci e nocciole, spinaci, caramelle gelatinose, ecc.) assunti.

  • Campione di sangue a digiuno e raccolta di urina nelle 24 ore.
    Questi esami biologici possono essere eseguiti in qualsiasi laboratorio di analisi.
Chiudi
Dietary guidelines for stone disease

Linee guida nutrizionali

Scopri i suggerimenti per ridurre il rischio di calcolosi Scopri di più sulle linee guida nutrizionali

Bibliografia

1: D'Alessandro C, Ferraro PM, Cianchi C, Barsotti M, Gambaro G, Cupisti A. Which Diet for Calcium Stone Patients: A Real-World Approach to Preventive Care? Nutrients. 2019 May 27;11(5):1182. 

Bevande1

È importante bere acqua in quantità sufficienti per diluire l'urina e ridurre il rischio di formazione di calcoli. Se bevi acqua a sufficienza, dovrà produrre circa 2 litri di urina limpida o di colore giallo chiaro al giorno.

Quanto bisogna bere?

  • 2 litri al giorno, o di più se la giornata è calda o se si pratica attività fisica.

Quando bisogna bere?

  • Ogni giorno, distribuendo le bevande regolarmente durante l'arco della giornata.
  • Compresa la sera prima di andare a dormire.
  • E durante la notte, se ci si sveglia.

Cosa bisogna bere?

  • Liquidi come acqua di rubinetto o in bottiglia, caffè, tisane, ecc. sono consentiti.
  • La quantità di fluidi assunti è più importante della loro qualità
  • Si consigliano due bicchieri di succo d'arancia appena spremuto.

Le cattive abitudini alimentari sono la principale causa di calcoli di calcio, ossalato e acido urico. La gestione dell'alimentazione riguarda sia il cibo che le bevande.

Cibo1

Non si tratta di mettersi a dieta, bensì di modificare le proprie abitudini alimentari. Eccessi di calcio, sale, zucchero, proteine animali, ossalato e acido urico possono aumentare il rischio di formazione di calcoli.

Assunzione di calcio

  • Il calcio proviene dall'acqua e dai latticini.
  • Non si tratta di evitare il latte, lo yogurt o i formaggi freschi, ma è necessario trovare un certo equilibrio: né troppo calcio, né troppo poco.
  • La dose giornaliera consigliata è tra 800 mg e 1 grammo.
  • Si consiglia di consumare 2 o 3 porzioni di latticini al giorno secondo il contenuto di calcio dell'acqua (v. tabella).
  • 1 bicchiere di latte (15 cl) = 1 yogurt = 100 g di formaggio cremoso.

In pratica, bisogna fare un rapido calcolo di ciò che si assume e poi scegliere di conseguenza

  • Se si bevono 2 litri d'acqua a basso tenore di calcio (meno di 20 mg/l), occorre assumere circa 800 mg di calcio sotto forma di latticini. 
  • Se si bevono 2 litri d'acqua a elevato tenore di calcio (più di 400 mg/l), occorre limitare i latticini.

Assunzione di sale

  • Un eccesso di sale nel cibo aumenta la natriuresi (la quantità di sali nell'urina), il che può aumentare la quantità di calcio eliminato con l'urina.
  • Si consiglia di limitare i cibi e i pasti con troppo sale (carne stagionata, fast food, pasti pronti).
  • Non aggiungere mai sale ai pasti.

Assunzione di acido urico

  • Il medico potrebbe prescrivere di limitare l'assunzione di alimenti che contengono acido urico: zucchero (fonte principale di acido urico), insaccati, interiora (animelle, reni, cervello, fegato, ecc.), alcuni tipi di pesce (aringa, tonno, trota, sardine sottolio, acciughe, ecc.) e frutti di mare.
  • Mangiare regolarmente frutta e verdura.

Assunzione di proteine animali

  • Le proteine animali si trovano in carne, pesce, carni stagionate, pollame, ma anche nelle uova e nei frutti di mare. 100 g di carne corrispondono a 100 g di pesce.
  • Limitare l'assunzione di proteine animali e preferire proteine vegetali.

Assunzione di ossalati

  • Mangiare cibi ricchi di ossalato con moderazione, in particolare cioccolato e cacao.
  • Anche arachidi, noci, nocciole, mandorle, asparagi, barbabietole, rabarbaro, spinaci, acetosella, tè, fichi.
  • Si sconsiglia l'uso di vitamina C in grandi quantità (compresse da 500 mg a 1 g).
Chiudi
Chiudi

Richiesta campioni

Complimenti!

Richiesta inoltrata correttamente

Versione desktop